CHI SIAMOSOSTIENI APPASSIONATA5 X MILLEARCHIVIO STAGIONIRASSEGNE STAMPACONTATTI e NEWSLETTER
Martedì, 12 Marzo 2019 00:00
Le avventure di Pinocchio

martedì 12 marzo 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

- matinée ore 11 (riservato studenti) -

Lucia Ronchetti
compositrice

Juliette Allen
voce narrante

Ars Ludi Ensemble
Stefano Berluti corno
Filippo Fattorini violino
Michele Marco Rossi violoncello
Massimo Ceccarelli contrabbasso
Antonio Caggiano percussioni

Lucia Ronchetti Photo © Stefano Corso
 

_

 



 

Lucia Ronchetti

Nata a Roma nel 1963, Lucia Ronchetti ha studiato Composizione e Musica elettronica al Conservatorio Santa Cecilia di Roma e si é laureata in Storia della Musica all’Università La Sapienza di Roma. A Parigi, a partire dal 1994, ha studiato con Gérard Grisey, ha seguito il Corso annuale dell’Ircam ed ha discusso una tesi di dottorato in musicologia all’École Pratique des Hautes Études en Sorbonne, sotto la direzione del Prof. François Lesure. Nel 2005 é stata Visiting Scholar (Fulbright fellow) alla Columbia University di New York, su invito di Tristan Murail. Altre importanti esperienze formative includono quelle con Sylvano Bussotti (Scuola di musica di Fiesole, 1981-1984), Salvatore Sciarrino (Corsi internazionali di Città di Castello, 1989-1991), Hans Werner Henze (Marino, 1993-1996), Folkmar Hein (Elektronisches Studio der TU Berlin, 2006-2009), André Richard (Experimentalstudio des SWR, Freiburg, 2003-2005). E’ stata compositore in residenza in istituzioni quali: Villa Concordia, Bamberg; Studio für elektroakustische Musik, Akademie der Künste, Berlin; Yaddo, New York; Berliner Künstlerprogramm des DAAD, Berlin; Fulbright scholar program, New York; Staatsoper of Stuttgart; MacDowell Colony, Peterborough, NH (USA); Akademie Schloss Solitude, Stuttgart; Schloss Werdenberg, Zürich; Cité internationale des arts, Paris; Fondation Nadia Boulanger, Paris; Fondation des Treilles, Paris; Nel 2018 l’Opera di Roma e il Festival Romaeuropa presenteranno la versione italiana di Le avventure di Pinocchio, opera da camera commissionata dall’Ensemble Intercontemporain e coprodotta dalla Nouvelle Philharmonie di Parigi. L’Accademia di Santa Cecilia riprenderà l’opera corale Inedia prodigiosa, diretta da Ciro Visco. L’opera corale Prosopopeia sarà presentata in una nuova versione alla Stephankirche di Bamberg e Rivale, opera da camera prodotta dalla Staatsoper Unter den Linden di Berlino, sarà ripresa dallo Staatstheater Braunschweig. Le produzioni recenti di teatro musicale di Lucia Ronchetti includono: Staatsoper Unter der Linden, Berlin (Rivale, 2017; Lezioni di tenebra, 2014, Last desire, 2011); Nouvelle Philharmonie, Paris (Les aventures de Pinocchio, 2017); Teatro Massimo, Palermo (Inedia prodigiosa, 2017); Berliner Ensemble (Abschlussball, 2016); Nationaltheater Mannheim (Aria da baule, 2016; Esame di mezzanotte, 2015, Lacus timoris, 2015, Neumond, 2011); Semperoper Dresden (Mise en Abyme, 2015, Sub-Plot, 2013, Contrascena, 2012); Romaeuropa festival, Roma (Inedia prodigiosa, 2016, Anatra al sal, 2014); Theater Festival d’Automne à Paris (Le Palais du silence, 2013, Helicopters and Butterflies, 2012).


Venerdì, 29 Marzo 2019 00:00
Elisabeth Leonskaja

venerdì 29 marzo 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Elisabeth Leonskaja
pianoforte

Photo © Alfredo Tabocchini
 

Mozart, Schumann, Schubert

 



 

Elisabeth Leonskaja

For decades now, Elisabeth Leonskaja has been among the most celebrated pianists of our time. In a world dominated by the media, Elisabeth Leonskaja has remained true to herself and to her music, and in doing so, is following in the footsteps of the great Russian musicians of the Soviet era, such as David Oistrakh, Sviatoslav Richter and Emil Gilels, who never wavered in their focus on the quintessence of music despite working in a very difficult political environment. Her almost legendary modesty still makes her somewhat media-shy today. Yet as soon as she walks out on the stage, audiences can sense the force behind the fact that music is and always has been her life’s work.

 Born in Tbilisi, Georgia, to a Russian family, she was regarded as a child prodigy and gave her first concerts as early as age 11. Her exceptional talent soon brought her to study at the Moscow Conservatory.
While still a student at the Conservatory, she won prizes in the prestigious Enescu, Marguerite Long and Queen Elizabeth international piano competitions. 

Elisabeth Leonskaja’s musical development was shaped or influenced to a decisive degree by her collaboration with Sviatoslav Richter. The master recognized her exceptional talent and fostered her development not only through teaching and giving her advice, but also by inviting her to play numerous duets with him. A memorable musical event! The musical partnership and personal friendship between Sviatoslav Richter and Elisabeth Leonskaja endured until Richter’s death in the year 1997. In 1978 Elisabeth Leonskaja left the Soviet Union and made her new home in Vienna. Her sensational performance at the Salzburg Festival in 1979 marked the beginning of her steadily blossoming career as a concert pianist in the west.


Elisabeth Leonskaja has appeared as a soloist with virtually all the leading orchestras in the world, such as the New York Philharmonic, the Los Angeles Philharmonic Orchestra, the Cleveland Orchestra, the London Philharmonic Orchestra, the Royal Philharmonic Orchestra, the BBC Symphony Orchestra London, the Zurich Tonhalle Orchestra, the Berlin Philharmonic Orchestra, the Gewandhausorchester Leipzig, the radio orchestras of Hamburg, Cologne and Munich, the Czech Philharmonic Orchestra and many others, under the baton of such leading conductors as: Kurt Masur, Sir Colin Davis, Christoph Eschenbach, Christoph von Dohnanyi, Kurt Sanderling, Maris Jansons, Yuri Temirkanov, Tugan Sokhiev, and many others.
Elisabeth Leonskaja is a frequent and welcomed guest at prestigious summer music festivals, such as the Salzburg Festival, the Vienna and Lucerne Festivals, the Schleswig-Holstein Festival, the Schubertiade in Hohenems and Schwarzenberg, and she also gives recitals in the Piano Series in the world's major musical centers, such as Berlin, Paris, Madrid, Barcelona, London, Edinburgh, Munich, and Vienna.

 Despite her busy schedule as a soloist, chamber music has always played a prominent role in her creative work, and she frequently appears with the Emerson, Borodin and Artemis Quartets.

Numerous recordings bear testimony to the outstanding artistic achievements of this pianist and she has been awarded prizes such as the Caecilia Prize for her Brahms piano sonatas, or the Diapason d´Or for her recordings of works by Liszt. Other significant recordings include the Tchaikovsky Piano Concertos with the New York Philharmonic Orchestra under Kurt Masur, the Chopin Piano Concertos with the Czech Philharmonic Orchestra under Vladimir Ashkenazy, and the Shostakovich Piano Concertos with the Saint Paul Chamber Orchestra.

Her newest CD "PARIS" with works by Ravel, Debussy and Enescu was released by the Berlin-based Label eaSonus and was awarded Solo CD of the year 2014 at the ICMA prizes. A complete-recording of the Schubert Sonatas will follow, also due to be released on eaSonus.
In her adopted home, the Republic of Austria, Elisabeth Leonskaja’s outstanding achievements have also gained her great recognition. She has been made an Honorary Member of the Konzerthaus of Vienna. In 2006, she was awarded the Austrian Cross of Honor, First Class, for her services to the cultural life of the country – the highest award of its kind in Austria. Today the “Lioness of the Keyboard” has matured into an exceptional pianist, one who is above emphasizing her virtuosity and who enjoys the warmest of receptions wherever she appears.




Sabato, 16 Marzo 2019 00:00
Renaud Capuçon e Guillaume Bellom

sabato 16 marzo 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Renaud Capuçon
violino

Guillaume Bellom
pianoforte

Renaud Capucon Photo © Darmigny / Guillaume Bellom Photo © Natacha Colmez
 

Ravel, Franck, Debussy

 



 

Renaud Capuçon

Nato a Chambéry nel 1976, Renaud Capuçon ha iniziato a quattordici anni i suoi studi presso il Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Parigi, vincendo numerosi premi.
Si trasferisce poi a Berlino per studiare con Thomas Brandis e Isaac Stern ricevendo il premio dell'Accademia delle Arti di Berlino.
Nel 1997 è stato invitato da Claudio Abbado a diventare primo violino della Gustav Mahler Jugendorchester, che ha guidato per tre estati, lavorando con direttori quali Pierre Boulez, Seiji Ozawa, Daniel Barenboim, Franz Welser-Moest e Claudio Abbado.
Da quel momento Capuçon si è affermato come solista al più alto livello. Ha suonato  con la Filarmonica di Berlino sotto la guida di Haitink e Robertson, con la Boston Symphony diretto da  Dohnanyi, con l'Orchestre de Paris e Christoph Eschenbach e l'Orchestra Simon Bolivar con la direzione di Gustave Dudamel.
Gli impegni recenti includono concerti con la London Symphony Orchestra con Daniel Harding, City of Birmingham Symphony con Morlot, Philadelphia Orchestra con Bychkov, Chicago Symphony con Nezet-Seguin e con la Chamber Orchestra of Europe con Haitink.
Molto intensa anche l’attività di musica da camera di Renaud Capuçon collaborando, tra gli altri, con Marta Argerich, Daniel Barenboim, Yefim Bronfman, Helène Grimaud, Maria Joao Pires, Vadim Repin, Yuri Bashmet e Truls Mørk, suona regolarmente con il fratello, il violoncellista Gautier Capuçon.
Queste collaborazioni lo hanno portato al festival di Edimburgo, Londra (Mostly Mozart), Berlino, Lucerna, Verbier, Aix-en-Provence, Roque d'Anthéron, San Sebastian, Stresa, Tanglewood e molti altri.
Nelle prossime stagioni eseguirà in tutto il mondo il ciclo completo delle sonate per violino di Beethoven con il pianista Frank Braley.
È direttore artistico del Festival di Pasqua di Aix en Provence, da lui fondato nel 2013, ed è stato recentemente nominato Direttore Artistico del Sommets Musicaux de Gstaad.
Renaud Capuçon registra in esclusiva per Virgin Classics. La sua registrazione più recente è stata il ciclo delle sonate di Beethoven con Frank Braley. Ha anche registrato i concerti di Beethoven e Korngold con la Rotterdam Philharmonic e Yannick Nezet-Seguin.
Dal 2007 Renaud Capuçon è stato un ambasciatore per il progetto Zegna & Music, che è stata fondata nel 1997 come attività filantropica per promuovere la musica e ai suoi valori.
Renaud Capuçon suona il Guarneri del Gesù "Panette" (1737) appartenuto a Isaac Stern, acquistato per lui dalla Banca Svizzera Italiana (BSI).
Nel giugno 2011 è stato nominato "Chevalier dans l'Ordre National du Mérite" dal governo francese.

 


 

Guillaume Bellom

Considéré comme l’une des étoiles montantes du piano français, Guillaume Bellom a également l’un des parcours les plus atypiques de sa génération, menant des études de violon parallèlement au piano, depuis le conservatoire de Besançon jusqu’au CNSM de Paris. C’est au contact de personnalités musicales marquantes, telles que Nicholas Angelich et Hortense Cartier-Bresson, qu’il développe pleinement son activité de pianiste.
Finaliste et prix “Modern Times” de la meilleure interprétation de la pièce contemporaine lors du concours Clara Haskil en 2015, il se révèle lors de cet événement dédié à la pianiste roumaine, elle-même violoniste à ses heures. La même année, il remporte le premier prix du concours international d’Épinal et devient lauréat de la fondation L’Or du Rhin, avant de remporter le prix Thierry Scherz des Sommets Musicaux de Gstaad l’année suivante. Le grand public le découvre lors des Victoires de la Musique 2017, où il est nommé dans la catégorie “révélation soliste instrumental”. Il est également artiste en résidence à la Fondation Singer-Polignac depuis 2012. Il s’est produit en soliste avec l’Orchestre de Chambre de Lausanne, la Camerata du Léman, l’Orchestre National de Lorraine, sous la direction de Jacques Mercier et Christian Zacharias. Par ailleurs, son grand intérêt pour la musique de chambre et sa maîtrise d’un vaste répertoire font de lui un partenaire musical convoité. Il joue régulièrement dans le cadre du Festival de Pâques d’Aix-en-Provence, de Piano aux Jacobins, des Festivals de Pâques et de l’Août Musical de Deauville, du Festival des Arcs, des Vacances de Monsieur Haydn, du Palazzetto Bru Zane à Venise, ou encore du Centre de Musique de Chambre de Paris, à la salle Cortot, avec des artistes tels que Renaud Capuçon, Amaury Coeytaux, Nicolas Dautricourt, Philippe Cassard, Paul Meyer, Yan Levionnois, Victor Julien-Laferrière ou encore Antoine Tamestit.   Sa discographie comporte notamment deux albums dédiés aux œuvres pour quatre mains de Schubert (recompensé par un “ffff” Télérama) et Mozart, enregistrés avec Ismaël Margain pour le label Aparté, un disque en sonate avec le violoncelliste Yan Levionnois, paru en 2017 pour Fondamenta (recompensé par un “ffff” Télérama), et un disque en solo paru chez Claves la même année, consacré à Schubert, Haydn et Debussy.


Lunedì, 25 Febbraio 2019 00:00
Quartetto Adorno

lunedì 25 febbraio 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Edoardo Zosi
violino

Liù Pelliciani
violino

Benedetta Bucci
viola

Danilo Squitieri
violoncello

Photo © Lauro Spaggiari
 

Beethoven, Debussy

 



 

Quartetto Adorno

They play with one mind, beauty of sound, intonation, precision and wonderful musical ideas and expression“
Geraldine Walther – Takács Quartet
Il Quartetto Adorno si è fatto conoscere a livello internazionale aggiudicandosi il Terzo Premio (con Primo non assegnato), il Premio del Pubblico e il Premio Speciale per la migliore esecuzione del brano contemporaneo di Silvia Colasanti nell’edizione 2017 del Concorso Internazionale “Premio Paolo Borciani”. Nella storia trentennale del Concorso nessun quartetto italiano aveva ottenuto un riconoscimento così importante.
Musicisti quali Alfred Brendel, Paul Badura-Skoda, Miguel Da Silva (Quatuor Ysaye), il Takács Quartet, hanno espresso lusinghieri apprezzamenti per il Quartetto Adorno.
Fondato nel 2015 da Edoardo Zosi, Liù Pelliciari, Benedetta Bucci e Danilo Squitieri, si perfeziona presso la Scuola di Musica di Fiesole con Miguel Da Silva (Quatuor Ysaye), A. Nannoni, A. Farulli.
Il nome del Quartetto è un omaggio al filosofo Theodor Wiesengrund Adorno che, in un’epoca di declino musicale e sociale, individuò nella musica da camera una chiave di salvezza per perpetuare un vero rapporto umano, secondo i valori del rispetto e dell’anelito alla perfezione.
Il Quartetto Adorno ha tenuto concerti per importanti Società Musicali Italiane come “Accademia Filarmonica” di Bologna“Ravenna Festival”, “La Società dei Concerti” di Milano, MITO Festival, “Museo del Violino” di Cremona, “Morellino Classica Festival”, “Festival dei Due Mondi” di Spoleto, “Festival Internazionale di Musica da Camera” di Cervo, Lucca Classica, Festival di Portogruaro, “Fazioli Concert Hall” di Sacile. Nel 2016 il loro debutto nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano dove si sono esibiti anche con il pianista Paul Badura-Skoda.
Vincitori nell’ambito di “2016 ISA Internationale Sommerakademie” del Premio “2. Wiener Schule Preis” per la miglior esecuzione di un quartetto appartenente alla seconda scuola di Vienna, si sono esibiti in diretta radiofonica per la ORF Radio KulturHaus di Vienna. Molto interessato alla musica contemporanea, il Quartetto è dedicatario del brano di Regis Campò Energy/Fly.
Nel 2017 Quartetto Adorno è stato selezionato per il progetto “Le dimore del Quartetto” ed è stato nominato ensemble effettivo di ECMA-European Chamber Music Academy fondata dal Maestro Hatto Beyerle.
Nel 2018/19 sono previsti concerti per “London Chamber Music Society Series at Kings Place” e “Wigmore Hall” di Londra, “Podium für junge Solisten” di Tegernsee, “Unione Musicale” di Torino, “Società del Quartetto” di Bergamo, “ACM Chamber Music” di Trieste, “La Società dei Concerti” di Milano dove sono anche in residence per gli Incontri Musicali all’Auditorium Gaber, “Fondazione I Teatri” di Reggio Emilia, “Associazione Musicale Lucchese”, “Policontri Classica” di Torino, “Amici della Musica” di Perugia, “Amici della Musica” di Cagliari, “Appassionata Festival” di Macerata, “Amici della Musica” di Campobasso, “Festival Musique Chalosse” in Francia, “Allegro Vivo Festival” di Sift Altenburg, “Musica Insieme” di Bologna, “Micat in Vertice – Fondazione Chigiana” di Siena.
Un particolare ringraziamento ad Asmana Wellness World Firenze per il grande sostegno all’attività del Quartetto Adorno.


Mercoledì, 06 Febbraio 2019 00:00
Ziyu He e Marie Sophie Hauzel

mercoledì 06 febbraio 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Ziyu He
violino

Marie Sophie Hauzel
pianoforte

 

Dvořák, C. Schumann, Sarasate, Bazzini, Wieniawski

 



 

Ziyu He

The young Chinese violinist Ziyu He (* 1999) has attracted international attention within the shortest time and was invited in April 2017 as one of the youngest ever soloists for his debut with the Vienna Philharmonic in the Vienna Musikverein.
In 2014 Ziyu won the Eurovision Young Musicians Competition representing the country of Austria; he also won the Mozart Competition in Zhuhai in 2015 and the International Instrumental Competition in Markneukirchen. In 2016 he became the first prizewinner at the International Mozart Competition in Salzburg as well as of the prestigious Yehudi Menuhin competition in London. Other internatinoal prizes he received in Augsburg, Weimar. Salzburg and received as well the Szymon Goldberg Award.
His young concert career already took him to perform in Germany, Austria, England, Sweden, Italy, France, Israel, Russia, China, Singapore and the United States.
As a soloist he has performed with the Vienna Philharmonic, the Mariinsky Orchestra Far East, the Macau Orchestra, the Salzburg Chamber Soloists, the RAI Orchestra, the Qingdao Symphony Orchestra, the China Philharmonic Orchestra, the Symphony Orchestra of the Mozarteum University, and the Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna.
He has performed with renowned conductors such as Adam Fischer, Christopher Warren-Green, Diego Matheuz, Hans Graf, Kriistina Poska, Lü Jia, Pietari Inkinen, Kazuki Yamada, Shizuo Kuwahara and Valery Gergiev.
In 2017 he played performances at the Violin Festival in Singapore, at the Summer Festival in Gstaad and regular concerts at the Konzerthaus Wien as a elected participant of their concert series Great Talents.
Ziyu He began playing the violin under the guidance of Xiangrong Zhang at the age of five. In 2010, Prof. Paul Roczek became aware of his extraordinary talent when meeting in Beijing and invited him to study at the University Mozarteum in Salzburg.
In addition to his studies in Salzburg he attended masterclasses with Ivry Gitlis, Ani Schnarch, Shmuel Ashkenasi, Vadim Gluzman, Chaim Taub and Petru Munteanu.
In 2018 he will join as primarius the Altenberg Trio Wien with regular performances in the Vienna Musikverein.
Ziyu He plays the „Grumiaux“ violin by Jean-Baptiste Vuillaume, made in 1855.

 


 

Marie Sophie Hauzel

C.


Giovedì, 24 Gennaio 2019 00:00
Leonardo Colafelice

giovedì 24 gennaio 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Leonardo Colafelice
pianoforte

 

Bach, Mendelssohn, Prokof’ev, Čajkovskij

 



 

Leonardo Colafelice

"Sono molto emozionata di sentire un così favoloso pianista e musicista. Grazie per la tua Musica!" Martha Argerich, 2013.
"Il giovanissimo Leonardo Colafelice, che ho ascoltato stasera, mi ha impressionato per le sue qualità di virtuoso della tastiera. A 12 anni soltanto è in grado di affrontare difficoltà tecniche reputate pericolose, con una semplicità confondente. Va senza dire che un elemento come Leonardo Colafelice è un pianista nato e destinato ad una brillantissima carriera" Aldo Ciccolini, 2008.
Nell’Agosto 2016 Leonardo Colafelice è risultato il vincitore del Secondo Premio nel prestigioso concorso  “Cleveland International Piano Competition” ricevendo inoltre 3 premi speciale: premio del pubblico, migliore esecuzione di una composizione di autore russo e premio attribuito dalla giuria di giovani.
Prima di questo, Leonardo ha vinto numerosi altri premi internazionali: Nel maggio 2014, a soli diciotto anni, Leonardo Colafelice è stato finalista alla XIV edizione del concorso "Arthur Rubinstein International Piano Master Competition" di Tel Aviv, dove ha ottenuto ben 3 premi speciali: premio come miglior interprete del Concerto classico; premio come miglior interprete di una composizione di Chopin; "Advanced Studies Grant" per il più notevole pianista sotto i 22 anni. Nell’Ottobre 2014 riceve il premio intitolato ad A. B. Michelangeli dal Comune di Appiano.

Questo prestigioso successo giunge a coronamento di due anni di importanti affermazioni: alla "Gina Bachauer Young Artists International Piano Competition", alla "Thomas and Evon Cooper International Piano Competition" e all'"Eastman Young Artists International Piano Competition", nel 2012, e alla "Yamaha USASU International Piano Competition" (dove ha ricevuto il premio dalle mani di Martha Argerich), al Concorso pianistico internazionale di Aarhus (Danimarca) e al Concorso pianistico internazionale di Hilton Head (U.S.A.), nel 2013.
Nato nel 1995, si è diplomato con il massimo dei voti, la lode e la menzione sotto la guida del M° Pasquale Iannone presso il Conservatorio di Musica “N. Piccinni” di Bari.
Attualmente è docente di Pianoforte Principale presso il Conservatorio di Musica “F. Torrefranca” di Vibo Valentia e questo fa di lui, all'età di 21 anni, il più giovane insegnante di Conservatorio in Italia.
Colafelice è regolarmente invitato in importanti festival musicali nelle principali città italiane (Milano, Torino, Roma, Bologna, Messina, Palermo, Catania, Bari, Padova, Venezia, Verona, Caserta etc..) e all’estero (Stati Uniti, Francia, Germania, Inghilterra, Danimarca, Svizzera, Polonia, Ungheria, Israele, Marocco, Turchia, Norvegia, Cile, Georgia).
Ha suonato, inoltre, con numerose e prestigiose orchestre tra cui: Cleveland Orchestra, Israel Philharmonic Orchestra, Rochester Philharmonic Orchestra, Aarhus Symphony Orchestra, Kristiansand Symphony Orchestra, Chile Symphony Orchestra, Marocco Philharmonic Orchestra, Orchestra dei Pomeriggi Musicali, Orchestra di Padova e del Veneto.


Lunedì, 14 Gennaio 2019 00:00
Erica Piccotti e Filippo Gamba

lunedì 14 gennaio 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Erica Piccotti
violoncello

Filippo Gamba
pianoforte

Erica Picotti Photo © Laure Jacquemin / Filippo Gamba Photo © Giulio Fornasar
 

Janáček, Schumann, Franck

 



 

Erika Piccotti

Erica Piccotti, nata a Roma nel 1999, si diploma in violoncello a soli 14 anni con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore presso il Conservatorio di S. Cecilia di Roma sotto la guida di Francesco Storino. Continua gli studi con Antonio Meneses presso l'Hochschule der Kunste di Berna e l’Accademia W. Stauffer di Cremona. Da Settembre 2017 frequenta il Master of Music presso la Kronberg Academy con Frans Helmerson. Ha frequentato masterclass con Antonio Meneses, David Geringas, Julius Berger, Thomas Demenga, Frans Helmerson, Mario Brunello, Alfredo Persichilli, Christophe Coin. E' vincitrice di numerosi primi premi in concorsi nazionali e internazionali tra cui “Rassegna Nazionale d'Archi” di Vittorio Veneto, “Premio Nazionale delle Arti” che la designa migliore violoncellista dei conservatori italiani, “Premio Città di Padova”, “Jugend Musiziert” di Norimberga e “NYIAA Competition” la cui vittoria le ha consentito di esibirsi presso la Carnegie Hall di New York, International Cello Competition “Antonio Janigro” for young cellists, “Premio Crescendo” e premio “A. Provenzani” riservato al migliore violoncellista del concorso stesso. A settembre del 2017 vince il 2 premio all' International Johannes Brahms Competition Pörtschach, in Austria. Tra i riconoscimenti ricordiamo nel 2012 il premio “Adriana Giannuzzi” come migliore violoncellista del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, nel 2014 il Premio Rotary Club di Roma ed il premio “Banca Monte dei Paschi di Siena” riservato ai giovani talenti dell'Accademia Chigiana, nel 2015 il premio “Inner Wheel”, nel 2016 il “Premio Memorial Tullio Besa” e il “Premio Rotary Cremona” assegnato ai migliori studenti dell’Accademia Stauffer. Ha ricevuto borse di studio dalla De Sono Associazione per la Musica, dalla Foundation Boubo-Musica, dalla Filarmonica della Scala di Milano, dal 2017 è sostenuta dall’Associazione Culturale Musica con le Ali. Il suo debutto è avvenuto in occasione del Concerto di Natale 2012 che si è tenuto alla Camera dei Deputati in diretta su RAI 5 nel quale ha suonato in duo con Mario Brunello per l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Da allora si è esibita in festival prestigiosi, tra gli altri "Chamber music Connects the world" in Kronberg, "La Musica Festival" in Sarasota, "Ciao Festival" in Chengdu, Festival de Cordas e Piano” in Belo Horizonte, Festival “La lumière du Roman” in Conques, Festival “Les Nuits du Chateau de la Moutte” in Saint Tropez, "Festival Violoncellistico Internazionale Alfredo Piatti" di Bergamo, “Chigiana International Festival" di Siena, “Rovigo Cello City”, “Aurora Festival” in Vanersborg, “Janigro Festival” in Porec, “Rome Chamber Music Festival” e Festival dei Due Mondi di Spoleto oltre che in numerose stagioni concertistiche tra cui "Musikàmera" al Teatro la Fenice di Venezia, “AGIMUS”, Teatro Comunale di Treviso, “Micat in Vertice” a Siena dove ha suonato il violoncello Stradivari del 1682, “Accademia dei Cameristi” a Bari, “Concerti e Palazzi” al Museo dell'Ara Pacis di Roma, per Mondomusica a Cremona, per la Rassegna “Morigi Musica” a Piacenza e al “Museo del violino” a Cremona dove ha suonato il violoncello Antonio Stradivari Stauffer 1700. Come solista ha suonato con “I Solisti di Zagabria”, “Orchestra I Pomeriggi Musicali”, “Orchestra Sinfonica Abruzzese”, “Orchestra Sinfonica del Estado del México”, “Orquestra Jovem Vale Música”. Ha collaborato con artisti quali Salvatore Accardo, Julius Berger, Mario Brunello, Bruno Canino, Augustin Dumay, Gidon Kremer, Bruno Giuranna, Itamar Golan, Louis Lortie, Andrea Lucchesini, Robert McDuffie, Antonio Meneses, Danilo Rossi, Miguel da Silva, Massimo Quarta, Sir András Schiff, Christian Tetzlaff. In Aprile 2018 è uscito il suo primo CD per la casa discografica Warner Classics in duo con il pianista Itamar Golan. L'8 marzo 2013 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le ha conferito l'Attestato d'Onore "Alfiere della Repubblica" per gli eccezionali risultati in campo musicale ottenuti in giovanissima età. Suona un violoncello Ruggeri (Cremona, 1692) gentilmente concesso dalla Fondazione Micheli di Milano.

 


 

Filippo Gamba

“Con la rigorosa, appassionata serietà che lo contraddistingue il pianista italiano Filippo Gamba incarna quella figura di filosofo del pianoforte che, musicista cosmopolita dotato di grande maturità, è infuso di un carisma quasi missionario”.
Con queste parole nel 2000 Wladimir Ashkenazy premia Filippo Gamba in una luminosa vittoria al Concours Géza Anda di Zurigo, dopo aver ottenuto negli anni precedenti prestigiosi riconoscimenti in concorsi quali Van Cliburn, Rubinstein, Leeds, Bachauer, Beethoven, Bremen e Pozzoli. Viene quindi invitato dai più importanti festival, dal Ruhr Piano Festival al Next Generation di Dortmund, dalle Settimane Musicali di Stresa ai festival di Lucerna, Oxford, Lockenhaus e Varsavia. Si esibisce a Berlino Vienna, Parigi, Lione, Amsterdam, Monaco, Atene.
Prestigiose sono state, negli anni, le sue apparizioni come solista con orchestre come i Berliner Sinfoniker, la Wiener Kammerorchester, la Staatskappelle di Weimar, la Camerata Academica Salzburg, l’Orchestra della Tonhalle di Zurigo e della City of Birmingham, sotto la bacchetta, tra gli altri, di Simon Rattle, James Conlon, Armin Jordan e Vladimir Ashkenazy.
Nato a Verona e diplomato al Conservatorio della sua città nella classe di Renzo Bonizzato, oggi Filippo Gamba è professore alla Musik-Akademie di Basilea e tiene seminari d’interpretazione pianistica per il Festival Musicale di Portogruaro, le Settimane di Blonay, Asolo Musica, Music of Southern Nevada, UDK Berlino.
Fedele a un’idea intima e cordiale del fare musica, coltiva una speciale predilezione per il repertorio cameristico, collaborando con il violoncellista Enrico Bronzi, la violinista Alexandra Conunova e con gruppi di fama internazionale come il Quartetto Michelangelo, il Quartetto Hugo Wolf, il Quartetto Gringolts e il Quartetto Vanbrugh. Particolarmente preziosi, nel suo percorso artistico, sono stati gli incontri con Maria Tipo e Homero Francesch.
La sua attività discografica è cominciata con l’incisione di due Concerti mozartiani diretti da Vladimir Ashkenazy e da Camil Marinescu, per l’etichetta Labour of Love.
Per la stessa casa ha poi inciso tre CD solistici dedicati a Beethoven, Brahms e Mendelssohn. Ha inciso due CD per la Sony, in duo con il violinista giapponese Egijin Niimura, e due CD per la Decca con Humoreske&Davidsbuendlertaenze di Schumann e l’integrale delle Bagatelle di Beethoven.
Di quest’ultimo, beninteso, Filippo Gamba frequenta da sempre anche il grande repertorio, tanto che dal 2015 sarà impegnato nell’esecuzione integrale delle 32 Sonate al Teatro Comunale di Vicenza.


Lunedì, 17 Dicembre 2018 00:00
Marialy Pacheco

lunedì 17 dicembre 2018 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Marialy Pacheco
pianoforte

Photo © Markus Jans
 

_

 



 

Marialy Pacheco

The biggest appreciation so far of Marialy Pacheco’s qualities has been the winning of the Montreux Solo Piano Competition 2012. She is the first woman to win this prize in 15 years history of the competition. In the explanation of the decision Jury president Leszek Mozdzer said: “Deciding between the three contenders was tough. In the end, the contestants’ joy in performing and her authenticity guided our decision making.”
Born in Havana 1983, Marialy Pacheco was raised in a musical family and began piano studies from an early age at the Conservatorio Alejandro García Caturla. At 15 she attended the Escuela Nacional de Artes, followed by three years of composition studies under Tulio Peramo at the Instituto Superior de Artes in Havana.
In 2002 she won the Cuban competition Jo-Jazz, with Grammy award-winner Chucho Valdes presiding over the jury. Two years later she recorded her first album “Bendiciones”. The pianist moved to Germany, toured through Europe – both solo and with her trio – and built international reputation.
On the occasion of the 185-year-old jubilee of Bösendorfer, Marialy Pacheco guested in 2013 as the only Jazz-Act, beside classical stars like Valentina Lisitsa and Maria Mazo in the Musikverein Wien. In 2014, Marialy was announced as first female jazz pianist worldwide to be an official „Bösendorfer Artist“.
In spring 2014, her new album "Introducing" (Neuklang/Edel:Kultur) was released. After several solo albums, it is a trio album, with Juan Camilo Villa Robles on bass and Miguel Altamar de la Torre (both from colombia) on drums. As "special guests" she got the honor to get german trumpet player and Echo Jazz Winner Joo Kraus, even moroccan Rhani Krija, the Percussionist of STING.
In August 2014, she gave her debut as classical pianist and showed her musical variety, when she performed Bach’s g-moll concerto with the Queensland Symphony Orchestra in Brisbane/Australia, conducted by Gustavo Gimeno.
Marialy Pacheco performed at national and international festivals like Aalener Jazzfest, Enter Music Festival (Poland), St. Moritz Art Masters (Switzerland),Rheingau-Musik-Festival, ZMF Freiburg, Jazzfestival Oloron (France) Audi Jazzfestival, Ingolstädter Jazztage, Piano City Milano, Havana Jazzfestival and at Beethovenfestival Bonn.
In January 2016, Marialy Pacheco released her limited 180g vinyl “ Live Studio Album”, recorded in audiophile fully analogue Direct-To-2-Track Version.
In June 2016, she presented the project “Danzon Cubano” together with WDR Funkhaus Orchestra, even presented on Live-Stream at ARTE TV concerts. The project was represented in September at the Beethovenfest in Bonn.
In April 2017 Marialy will release the new album "DUETS" – quite an intimate and many-faceted album to which Marialy has invited her favourite musicians and friends like Hamilton de Holanda, Omar Sosa, Joo Kraus, Rhani Krija, Miguel Zenon and Max Mutzke.
Marialy Pacheco is the only female pianist in the currently row of famous Cuban jazz piano players like Roberto Fonseca, Omar Sosa or Gonzalo Rubalcaba.


Domenica, 02 Dicembre 2018 00:00
Danish String Quartet

domenica 02 dicembre 2018 - ore 17

Teatro Lauro Rossi Macerata

Rune Tonsgaard Sørensen
violino

Frederik Øland
violino

Asbjørn Nørgaard
viola

Fredrik Schøyen Sjölin
violoncello

Photo © Caroline Bittencourt
 

Haydn, Abrahamsen, Beethoven

 



 

Danish String Quartet

The Danish String Quartet has reached incredible heights in the course of its 10 years of existence. In January 2012 the quartet was appointed to the prestigious Chamber Music Society of Lincoln Center Two programme beginning with the 2013-2014 season. This achievement comes as the last in a row of distinguished accomplishments. In 2009 the quartet not only won First Prize in the Eleventh London International String Quartet Competition, but its performance was so convincing that it was awarded four additional prizes; The 20th Century Prize, the Beethoven Prize, the Sidney Griller Award and the Menton Festival Prize. Prior to this triumph the quartet has won competitions in Denmark, Norway and Holland. In 2006 the Danish String Quartet was the Danish Radio ‘Artist in Residence’. The residency gave the quartet opportunity to record all Carl Nielsen’s String Quartets in the Danish Radio Concert Hall. The recordings were released on the Dacapo label in 2007 and 2008 and they were hailed by the critics as extremely successful recordings. 2012 will see a new release from the quartet with works by Bartok and Beethoven. The high technical and musical quality, the joy of playing, the powerful impact the quartet makes on stage and the fresh approach to familiar repertoire has become a trademark for the Danish String Quartet. These qualities have led the quartet to success everywhere. The four young musicians have performed all over Europe, returning repeatedly to particularly Germany and the UK, where Wigmore Hall is one of the venues. The quartet was announced NORDMETALL –Ensemble Prize Winner 2010 in the Mecklenburg-Vorpommern Festival in Germany. The Danish String Quartet’s main teacher and mentor is Professor Tim Frederiksen. In addition the quartet has participated in master classes and received instruction from the Tokyo- and Emerson Quartets, Alasdair Tait, Paul Katz and Hugh Maguire. The quartet was awarded the highly prestigious Carl Nielsen Prize 2011 which is Denmarks largest cultural prize.


Giovedì, 22 Novembre 2018 00:00
Moni Ovadia e Mach Ensemble

giovedì 22 novembre 2018 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

- matinée ore 11 (riservato studenti) -

Moni Ovadia
voce narrante

Mach Ensemble

Photo © Domenico Grossi
 

Igor Stravinskij, Histoire du Soldat

 



 

Moni Ovadia

Nasce a Plovdiv in Bulgaria nel 1946, da una famiglia ebraico-sefardita.
Dopo gli studi universitari e una laurea in scienze politiche ha dato avvio alla sua carriera d'artista come ricercatore, cantante e interprete di musica etnica e popolare di vari paesi. Nel 1984 comincia il suo percorso di avvicinamento al teatro, prima in collaborazione con artisti della scena internazionale, come Bolek Polivka, Tadeusz Kantor, Franco Parenti, e poi, via via proponendo se stesso come ideatore, regista, attore e capocomico di un "teatro musicale" assolutamente peculiare, in cui le precedenti esperienze si innestano alla sua vena di straordinario intrattenitore, oratore e umorista. Filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria è la tradizione composita e sfaccettata, il "vagabondaggio culturale e reale" proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell'immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro.